News

Territorio e paesaggio, i requisiti per il registro degli esperti

Registro di esperti tra cui scegliere i membri delle Commissioni comunali che applicheranno la legge territorio e paesaggio, approvati i requisit

La pianificazione comunale assume un ruolo di rilievo secondo la nuova legge territorio e paesaggio al fine di ottenere uno sviluppo sociale ed economico sostenibile del territorio altoatesino. La Commissione comunale per il territorio e il paesaggio avrà funzioni importanti in questo ambito perché sarà l’organo di supporto per i Comuni nella valutazione dei piani e progetti per interventi di trasformazione urbanistica e paesaggistica del territorio. La Commissione si comporrà del sindaco, o persona delegata, e da 6 esperti di ambiti diversi: cultura edilizia, scienze agrarie o forestali (o perito agrario), scienze sociali o economiche, pianificazione urbanistica, paesaggio, (designata dall’assessore provinciale competente) e pericoli naturali. I membri esperti saranno scelti dall’apposito registro istituito presso la Ripartizione provinciale natura, paesaggio e sviluppo del territorio, e verranno nominati dal Consiglio comunale per la durata in carica del medesimo. Non potranno essere nominati membri delle Commissioni comunali territorio e paesaggio le persone appartenenti al corpo forestale.

Esperti per le Commissioni comunali

Nel registro potranno essere iscritti, e rimanervi, gli esperti che detengono particolari requisiti oggettivi e soggettivi fissati ieri (26 febbraio) dalla Giunta provinciale. La decisione è stata preceduta da molteplici e approfondite consultazioni con i vari ordini professionali interessati e con il Consiglio dei Comuni, il quale ha espresso parere favorevole con alcune condizioni il 21 gennaio scorso. "Con l’approvazione dei requisiti potrà ora essere predisposto il registro degli esperti previsto dalla legge provinciale territorio e paesaggio creando in tal modo il presupposto per formare le future commissioni comunali", afferma l’assessora provinciale Maria Hochgruber Kuenzer, sottolineando che si tratta di "un ulteriore passo importante verso l’applicazione della nuova normativa".

Registro suddiviso in otto sezioni

Il registro è strutturato in 8 sezioni a secondo delle materie: urbanistica, natura, paesaggio, cultura edilizia, economia, sociale, scienze agrarie e forestali e pericoli naturali. L’iscrizione nelle varie sezioni avviene con decreto dell’assessore provinciale allo sviluppo del territorio, potrà in precedenza essere espletata una procedura di valutazione secondo titoli ed esami, strutturata in una prova scritta ed una orale. Per permanere nel registro, gli esperti dovranno partecipare ad almeno l’80% delle iniziative di formazione e aggiornamento obbligatorie previste dalla Ripartizione provinciale natura, paesaggio e sviluppo del territorio. I programmi di formazione sono effettuati in coordinamento con le iniziative formative del Consorzio dei Comuni e degli organismi professionali. Un’apposita commissione, che sarà nominata dalla Giunta provinciale, verificherà a cadenza regolare il rispetto dei requisiti necessari per la permanenza degli esperti nel registro. Le persone esperte che al momento dell’entrata in vigore della legge provinciale territorio e paesaggio erano già comprese nel registro degli esperti di urbanistica e tutela del paesaggio saranno iscritti d’ufficio nelle sezioni urbanistica e paesaggio del nuovo registro.

sa