News

Legge territorio e paesaggio: quattro temi, unico obiettivo

Entro la fine dell'anno la nuova legge su territorio e paesaggio sarà discussa in Consiglio provinciale. Presentati i quattro temi centrali del provvedimento.

Le novità in tema di urbanistica e tutela del paesaggio, un'edilizia sostenibile anche dal punto di vista economco, la semplificazione di iter e procedure: sono questi i pilastri attorno a cui nasce la legge sul territorio e paesaggio presentata oggi (7 settembre) dall'assessore Richard Theiner ai consiglieri provinciali. "Abbiamo voluto dare la possibilità di prendere visione delle novità principali prima di entrare nei dettagli della discussione attorno alla proposta di legge", spiega Theiner. Per quanto riguarda la tutela del paesaggio, Theiner parla di "bene comune da tutelare e valorizzare", e per raggiungere questo obiettivo si è deciso, anzichè di rivoluzionare il sistema, di prendere in mano tutti gli strumenti attualmente a disposizione e svilupparli. "Vogliamo ammodernare iter e procedure per renderle al passo con i temi e prepararle ad affrontare le sfide dei prossimi decenni".

In tema di urbanistica, invece, l'obiettivo, secondo l'assessore, "deve essere quello di sfruttare le aree residenziali, che devono essere limitate, in maniera più efficiente anche grazie ad una serie di semplificazioni. Al di fuori di queste zone, le nuove costruzioni dovranno rappresentare solamente delle eccezioni a forme di tutela del territorio più rigide". Altro compito fondamentale della nuova legge dovrà inoltre essere quello di rendere nuovamente sostenibile l'acquisto di un alloggio: a questo scopo verrà fissata una quota tra il 60% e il 100% (a seconda delle richieste dei comuni) dei nuovi alloggi da destinare ai residenti, e soprattutto verranno creati delle abitazioni a prezzo calmierati sia per quanto riguarda l'acquisto, sia per quanto riguarda l'affitto. In sostanza, i committenti potranno costruire alloggi da vendere o affittare, ma a un prezzo massimo al mq preventivamente fissato dal Comune.

"Siamo convinti - aggiunge Theiner - che riusciremo a contenere il costo delle case tra i 2.300 euro al metro quadrato nei comuni periferici ai 3mila euro al metro quadrato nelle zone più urbanizzate, a partire da Bolzano". In tema di semplificazione e sburocratizzazione, il ddl punta ad abbattere il numero delle autorizzazioni necessarie, e i cittadini in futuro potranno avvalersi di un front office unico, ovvero uno sportello comunale per le pratiche edilizie e paesaggistiche. In questo sportello di riferimento i cittadini potranno ottenere informazioni, presentare le domande e ritirare le autorizzazioni. L'assessore Richard Theiner ha annunciato che entro la fine dell'anno la proposta di legge verrà presentata ufficialmente e definitivamente in Consiglio provinciale, mentre la discussione partirà nel corso dell'inverno.

USP