Lavori nei parchi

L’Ufficio Parchi naturali, all’interno delle aree protette, realizza ogni anno progetti finanziati con risorse proprie o con fondi europei.
L’obiettivo è la manutenzione della rete sentieristica e la gestione dei flussi turistici, in modo da poter conservare e proteggere le zone maggiormente sensibili delle aree protette, di sensibilizzare i visitatori su tematiche ecologiche e sito-specifiche, nonché di garantire la conservazione e valorizzazione di habitat e specie.

L’Ufficio Parchi naturali dà ogni anno in carico lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria dei sentieri, della segnaletica, dei parcheggi e di pulizia.

Si tratta di lavori che differiscono da parco a parco, in quanto dipendenti dalle differenti situazioni locali e che possono prevedere ad esempio nuovi sentieri tematici, segnaletica sito-specifica o anche la riorganizzazione degli accessi principali ai parchi.

L’Unione europea sostiene finanziariamente progetti di sviluppo sostenibile per la tutela e conservazione dell’ambiente. In Alto Adige questi progetti vengono finanziati con fondi comunitari del comparto agricolo per lo sviluppo delle aree rurali. La misura 4.4 finanzia progetti di conservazione, ripristino e miglioramento della biodiversità, intesa sia come specie, che come habitat e la loro connessione nelle aree Natura 2000 o in altre aree dall’elevato valore naturalistico.

Interventi per miglioramento degli habitat

Habitat: Torbiere di transizione e instabili

Località: “Eishöfe” in Val di Fosse

La torbiera di transizione presso gli “Eishöfe” è stata prosciugata alcuni decenni fa in seguito all’apertura di drenaggi per ottenere pascoli aggiuntivi. Lo stato di conservazione della torbiera risulta, come anche confermato dal piano di gestione dell’area, medio/scarso.

Attraverso la chiusura dei fossi di drenaggio e la recinzione della torbiera con conseguente esclusione del pascolo ci si aspetta il miglioramento della situazione e lo sviluppo di una torbiera ben strutturata.

Come misura compensativa a quella sopra illustrata, che ha ridotto la superficie pascoliva, sono stati poi riaperti dei pascoli in fase di chiusura.

 

PRIMA: Torbiera con fossi di drenaggio e danni da calpestio

 

DURANTE: Chiusura dei fossi di drenaggio e successiva recinzione della torbiera

 

DOPO: I fossi sono ora, con esclusione di alcune depressioni, completamente chiusi ed è stato realizzato uno steccato in legno attorno alla torbiera.