Parco naturale Fanes-Senes-Braies

Escursioni virtuali e proposte di escursioni

Avete voglia di venire con noi in alcuni dei punti più suggestivi dei parchi? Allora seguiteci in questo percorso virtuale attraverso paesaggi naturali unici, tipici del nostro territorio.

Questa è in ogni caso solo la seconda tra le due possibilità per scoprire il nostro territorio … la migliore è sempre quella di farlo dal vivo!

Itinerario 1 Capanna Alpina - Pederü

  • Lunghezza itinerario: 14257 m
  • Dislivello ascesa: 622 m
  • Dislivello discesa: 805 m
  • Durata: 4 h 10 m
  • Difficoltà: media

Capanna Alpina (1729 m) – Col de Locia (2069 m) – Gran Fanes (2110 m) – Lago di Limo (2159 m) – Rifugio Fanes (2060 m) - Lago Piciodel (1820 m) - Rifugio Pederü (1544 m)

Da San Cassiano, in Val Badia, si prende la strada per il Passo Valparola e, dopo circa 3 km, si arriva al bivio per la Capanna Alpina (1729 m). Da qui si consiglia di prendere il sentiero che passa a destra della cava di ghiaia e porta alla Capanna Alpina. Seguendo il segnavia n. 11 si attraversa una pecceta e si arriva quindi al piccolo prato del Plan de Furcia. Da quel punto il sentiero si inerpica fino al Col de Locia (2069 m). Il tratto di sentiero seguente attraversa la larga conca tra il gruppo di Fanes, Campestrin e il gruppo delle Conturines e termina infine sul Ju dall'Ega. Dopo un altro tratto pianeggiante attraverso i pascoli alpini di Fanes, si giunge dopo circa 3 ore di cammino sull'Alpe di Gran Fanes (2110 m), da dove con una facile salita si raggiunge l’incantevole Lago di Limo, il punto più alto dell’escursione. Da questo punto inizia la discesa per il Rifugio Fanes, da dove si segue il segnavia n. 7, che conduce al Lago Piciodel e infine al Rifugio Pederü, in fondo alla Val dai Tàmersc.

Mappa   Toureninfo

Itinerario 2 Pratopiazza - Monte Specie

  • Lunghezza itinerario: 9887 m
  • Dislivello ascesa: 455 m
  • Dislivello discesa: 455 m
  • Durata: 2 h 45 m
  • Difficoltà: tour facile

Parcheggio Pratopiazza (1976 m) – Sella di Monte Specie (2212 m) – Monte Specie (2308 m) – Rifugio Vallandro (2031 m) – Parcheggio Pratopiazza (1976 m)

Dal Parcheggio Pratopiazza (1976 m) si parte per raggiungere l’omonimo albergo. Da qui si segue il segnavia n. 40 in direzione Vallandro, e dopo 20 minuti si arriva all’Altavia n. 3. Prendendo il bivio a sinistra, si seguono le indicazioni verso il Rifugio Vallandro. Poco prima del rifugio si incontra una strada forestale. Da quel punto, seguendo il segnavia n. 34, si arriva alla Sella di Monte Specie (2212 m), dalla quale si può già vedere la vetta. La cima del Monte Specie (2308 m) offre una vista spettacolare verso le vette ed i gruppi di montagne circostanti, come le Dolomiti di Sesto, il Gruppo dei Cadini, le Marmarole, il Monte Cristallo e la Croda Rossa. Da questo punto inizia la discesa, passando per il Rifugio Vallandro (2031 m) e seguendo la strada forestale, fino al punto di partenza. (Durante i mesi cescivi si consiglia di parcheggiare presso l’Albergo Ponticello (“Brückele”) e prendere l’autobus fino all’Albergo Pratopiazza (1976 m)).

Mappa   Toureninfo

Itinerario 3 Girando attorno alla Croda del Becco

  • Lunghezza itinerario: 15.714 m
  • Dislivello ascesa: 1101 m
  • Dislivello discesa: 1101 m
  • Durata: 5 h 50 m
  • Difficoltà: tour difficile

Lago di Braies (1498 m) – Forcella Sora Forno (2392 m) – Rifugi Biella alla Croda del Beco (2328 m) – Forcella Riodalato (2327 m) – Malga Foresta (1595 m) – Lago di Braies (1498 m)

Partendo dal parcheggio (1498 m) presso il dal Lago di Braies si segue il segnavia n. 1 prima attorno al lago e poi, salendo attraverso mughete rade, si raggiunge la località “Buco del Giavo”. Poco dopo si esce dalla foresta per arrivare – dopo ben tre ore di camminata – alla Forcella Sora Forno (2392 m). Appena sotto si trova il Rifugio Biella alla Croda del Beco (2328 m). Da qui si segue il segnavia n. 23, attraversando degli alpeggi dolci, per arrivare fino alla Forcella Riodalato (2327 m). La discesa, che si presenta prima ripida, poi più piana, porta attraverso la Val Riodalato alla Malga Foresta (1597 m) e poi al punto di partenza.

Mappa   Toureninfo

Itinerario 4 Pedraces - S. Croce - Sura Valgiarei - Pedraces

  • Lunghezza itinerario: 10.381 m
  • Dislivello ascesa: 328 m
  • Dislivello discesa: 824 m
  • Durata: 3 h 10 m
  • Difficoltà: tour facile

Badia (1340 m) – Stazione seggiovia a monte (1836 m) - S. Croce (2043 m) – Sura Valgiarei (1786 m) – Pedraces (1340 m)

Si sale con la seggiovia fino alla stazione a monte a 1836 metri. Da qui si può raggiungere S. Croce (2045 m) in una mezz’ora. Seguendo la Via Crucis n. 15 si arriva ad Armentara, una zona caratterizzata da prati magri e pingui. Arrivati ad un sentiero più largo si prende il segnavia n. 15a. Attraversando dei prati a coltivazione più intensiva, ma comunque ancora ricchi di specie, si raggiunge il prossimo bivio e si prosegue nuovamente a sinistra. Ora il sentiero sale per l’ultima volta in direzione "Prè Comun". Prima della discesa si possono ammirare le varie colorazioni di questo magnifico paesaggio, che si possono manifestare, a seconda della stagione, attraverso le anemoni in fiore o sfiorite, le genziane o i larici verdi o dorati. Nella conca di Valacia si trova un piccolo stagno acquitrinoso (Sura Valgiarei, 1786 m). Osservandolo con attenzione si possono scoprire dei piccoli animaletti. In primavera rane e rospi visitano questo posto per deporvi le loro uova, durante l’estate vi possiamo trovare il tritone alpino e vari insetti. Segue la discesa passando per il maso Cialaruns e poi, seguendo il segnavia n. 7, dopo ca. 45 minuti si raggiunge il punto di partenza.

Mappa   Toureninfo